Homecoming mum – Tradizioni texane

Parole Sparse qua e lá Home > IT > Homecoming mum – Tradizioni texane

Homecoming mum – Tradizioni texane

Homecoming Mums – una tradizione texana

Con il fine settimana passato si è concluso anche quest’anno il periodo di Homecoming nelle scuole. Tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre nelle scuole e nei college si  celebra la settimana di homecoming: ogni scuola ha le sue tradizioni e i suoi riti. Ricordate quando avevo raccontato dei tamburi del TJC?

Una tradizione tipica delle high school texane  e’ quella di indossare un Homecoming mum. Una sorta di coccarda colorata con i colori della scuola a cui sono aggiunti simboli e riferimenti agli interessi, alla personalità, agli  sport praticati dello studente che lo indossa.

La tradizione sembra essere nata ben presto, nei primi anni in cui è iniziata la tradizione di celebrare Homecoming nelle scuole.  Inzialmente molto semplicemente si instaurò l’ usanza che per il ballo di Homecoming il cavaliere donasse alla sua dama un corsage floreale. Visto il periodo dell’anno divenne tradizionale un corsage da un solo fiore di stagione: un chrysanthemum, da qui “mum”.

Tradizioni che evolvono e crescono

Ma anche questa tradizione ben presto ha preso una dimensione texana. Prima si è iniziato ad aggiungere fiocchi e nastri, e poi sempre più abbellimenti; fino ad arrivare a  coccarde gigantesche che si vedono talvolta oggi nelle scuole. Alcune sono cosi grandi da non poter più essere appuntate, ma devono letteralmente essere appese al collo. Con il tempo anche i ragazzi hanno iniziato a portarne una simile ma più piccola  la braccio. Chiamato questo gater. Talvolta viene utilizzato anche per riconoscere una gerarchia di anzianità fra gli studenti; solo fiore per  freshmen  fino ad arrivare ai 4 fiori per senior dell’ultimo anno. I senior possono distinguersi anche nella scelta dei colori, che spesso sono bianchi, oro o argento invece dei colori tradizionali della scuola come per gli studenti più giovani.

Intorno a questo periodo dell’anno i negozi di crafting si riempiono dei materiali necessari a creare queste coccarde. Vengono addirittura offerte lezioni che suggeriscono come poterle creare. Così  le mamme texane si dividono in due categorie quelle che impazziscono per creare coccarde all’ altezza delle aspettative e quelle che vedono  i loro affari fiorire perché si sono trasformate in Mum maker professioniste. Contando che alcuni arrivano a costare diverse decine di dollari (se se non qualche centinaio i più elaborati) facile capire come ci sia chi ne ha fatto una professione.

Una volta possata poi la settimana di homecoming sono conservati come ricordo e talvolta appesi sui muri delle camere.

La settimana di homecoming di solito è ricca di eventi che culminano nelle giornate di venerdì con la partita di football e con il ballo.E qui in Texas il football nelle scuole e roba seria, ma seria assai!!! I mums di solito vengono indossati il venerdì a scuola e poi alla partita, più raramente al ballo. Inizialmente era un dono del cavaliere alla sua dama ora ha spesso perso questa funzione, ci sono amiche che ne creano di coordinati, interi team sportivi che ne vestono di simili. Ora anche in alcune scuole dei vicini Oklahoma e Louisiana capita che abbiano questa usanza ma rimane prettamente tipica texana.

Alcuni li trovo un “”tantino” esagerati e non credo che da adolescente sarei riuscita ad indossare i più appariscenti. Però credo che sia una tradizione molto carina.

Le immagini sono su gentile concessione di Rebecca Hayes di PeaceLove&Mums

By |2018-10-11T12:38:33+00:00ottobre 11th, 2018|Categories: IT, Tadizioni, Texas|1 Comment

About the Author:

Torinese da una vita, trapiantata in Texas da 5 anni. Racconto della mia vita da expat, delle mie passioni e quello che mi succede..insomma un po' di parole sparse qua e la'

One Comment

  1. Federica 10/28/2018 at 4:50 PM - Reply

    E io che quando vivevo in Argentina li giudicavo un po’ appariscenti nelle loro tradizioni XD dovevo conoscere i texani!

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses cookies and third party services. Settings Ok